sala grande
dal 5 al 14 aprile 2024
  vai al calendario

Kamikaze

Assocerò sempre la tua faccia alle cose che esplodono

Prima italiana

di Emanuele Aldrovandi
regia Marco Lorenzi
dramaturg e regista assistente Lorenzo De Iacovo
con Elena Brumini, Vittorio Camarota, Aurora Cimino, Aleksandar Cvjetkovi?, Eletta Del Castillo, Serena Ferraiuolo, Stefano Iagulli, Mario Jovev, Mirko Soldano
scene e costumi Gregorio Zurla
musiche Enza De Rose, Leonardo Porcile
proiezioni video Edoardo Palma, Emanuele Forte
disegno luci Robert Pavlič
assistente alla scenografia e ai costumi Ivan Botiki
direttrice di scena Andrea Slama
produzione Teatro Biondo Palermo / Teatro Nazionale Croato Ivan de Zajc di Fiume (Hrvatsko narodno kazalište Ivana pl. Zajca u Rijeci)


Kamikaze di Emanuele Aldrovandi, con la regia di Marco Lorenzi, è uno spettacolo innovativo e sorprendente, che unisce cinema e teatro per raccontare una storia attualissima, invitandoci a riflettere su alcune questioni di capitale importanza per il nostro presente e per il prossimo futuro, oggi più che mai offuscato da venti di guerra e da politiche internazionali incapaci e miopi.

Kamikaze è la nuova frontiera del teatro politico, che ricorre ai nuovi linguaggi, allo straniamento, ma anche all’ironia e alla comicità grottesca per denunciare la deriva morale e della nostra epoca.

Il Teatro Biondo di Palermo e il Teatro Nazionale Croato Ivan de Zajc di Fiume hanno unito le loro forze per realizzare un’opera di grande fascino e attualità, interpretata da attori e attrici della Compagnia stabile del Dramma italiano di Fiume (Elena Brumini, Aleksandar Cvjetković, Serena Ferraiuolo, Stefano Iagulli, Mario Jovev, Mirko Soldano) e da tre italiani (Vittorio Camarota e le siciliane Aurora Cimino ed Eletta Del Castillo). Un incontro di culture e identità diverse per uno spettacolo nel quale si parlano più lingue e si sperimentano ingegnose soluzioni metanarrative, che ci permettono di vedere sullo schermo un vero e proprio film mentre viene ripreso sul palcoscenico trasformato in set cinematografico.

Cosa unisce il tragico attentato al Bataclan di Parigi e la storia di una giovane regista che vorrebbe realizzare un film sperimentale sul terrorismo e sulla complicata convivenza con gli immigrati di seconda generazione? E cosa hanno in comune tre parlamentari europei senza scrupoli, di maggioranza e opposizione, riuniti in una grottesca cena, e la strenua lotta di questa giovane regista che vorrebbe realizzare il suo film senza scendere a compromessi con produttori e finanziatori attenti solo al profitto? Apparentemente nulla, ma, come in un gioco di scatole cinesi, scena dopo scena lo spettacolo svela i legami profondi tra tutti i personaggi e la nostra realtà. Tutto è collegato, ogni cosa dipende dall’altra come in un puzzle. Man mano che si dipanano i diversi quadri dello spettacolo, i pezzi di Kamikaze si ricompongono in un unico panorama che ci spinge a riflettere sul nostro destino a partire da una domanda cruciale: è possibile immaginare un’alternativa umana per salvarsi dalla trappola autodistruttiva del sistema e del capitale, per salvarci da un interminabile presente che ha rimosso il passato e non lascia intravedere un futuro?

«La grande sfida – spiega il regista Marco Lorenzi – è stata trasformare tutto questo in una creazione scenica che si facesse attraversare dal paradosso come cifra linguistica. Utilizzando a piene mani gli strumenti che il contemporaneo stesso ci mette a disposizione, come le tecnologie video, per ribaltarne le tesi. E contemporaneamente chiedere agli attori di entrare in un gioco pirotecnico ed estremamente divertente di scambi di ruoli, di situazioni paradossali e mai banalmente psicologiche. L’obiettivo ultimo è quello di esplorare il mistero che circonda questi fatti contemporanei, approfondendone le dinamiche sociali, ma soprattutto le strutture tragiche e archetipiche con ironia e originalità. Sono convinto che non si può parlare di cosa significhi essere occidentali oggi senza parlare della nostra condizione di disagio. E non si può parlare di questa condizione senza parlare di equilibri di potere e di riduzione a prodotto di ogni aspetto della nostra vita. Questo spettacolo racconta tutto questo, una Storia che procede inesorabile sostituendo nei secoli il petrolio alla religione e poi la finanza al petrolio, e di come questo meccanismo si ripeta kafkianamente identico a se stesso, fregandosene altamente delle storie intime e fragili dei singoli esseri umani... vittime sacrificali di questa grottesca tragedia.

  • apr
    5
    ven
    turno PRIME ore 21:00
  • apr
    6
    sab
    turno S1 ore 19:00
  • apr
    7
    dom
    turno D1 ore 17:00
  • apr
    9
    mar
    turno Ser.M ore 21:00
  • apr
    10
    mer
    turno ME ore 17:00
  • apr
    11
    gio
    turno Pom.G ore 17:00
  • apr
    12
    ven
    turno V2 ore 21:00
  • apr
    13
    sab
    turno S2 ore 19:00
  • apr
    14
    dom
    turno D2 ore 17:00
Iscriviti alla
newsletter!
iscriviti