sala strehler
dal 26 febbraio all'1 marzo, dal 18 al 22 marzo, dal 15 al 19 aprile e dal 15 al 17 maggio 2020
  vai al calendario

Non tacere

Come un coro, femminile…

di Aldo Nove
regia Carla Chiarelli
con Virginia Alba, Marta Cirello, Aurora Falcone, Noa Flandina, Cinzia Maccagnano

26 FEB – 1 MAR – Sposa al mondo  Pippa Bacca
18 – 22 MAR – Io, la verità parlo  Ilaria Alpi
15 – 19 APR – Fuoco  Palmina Martinelli
15 – 17 MAG – La trilogia


produzione Teatro Biondo di Palermo


Tre voci. Tre corpi. Tre storie. Tre modi di essere radicalmente donne, fino al sacrificio e alla rinascita. Pippa Bacca, Ilaria Alpi, Palmina Martinelli. Testimonianze e atti di vite che hanno voluto, e vogliono, esprimere i valori femminili raccontandosi e dando alla luce ciascuna una visione del mondo e della vita portata dentro, vissuta dentro e con potenza e creaturale fedeltà donata infine al mondo. Tre preghiere, Tre laiche invocazioni di madri e figlie e donne e spose.

Pippa Bacca, pseudonimo di Giuseppina Pasqualino di Marineo (Milano, 9 dicembre 1974  Gebze, 31 marzo 2008), è stata un’artista italiana. La sua opera, basata prevalentemente sul ritaglio, è una polifonia sulla delicatezza e la meraviglia della vita, con allegorie tratte dal mondo della natura e caratterizzata da una spiritualità profonda e femminile. La sua ultima performance, Spose in viaggio, è stata tragicamente interrotta perché brutalmente assassinata.

Ilaria Alpi (Roma, 24 maggio 1961 – Mogadiscio, 20 marzo 1994) è stata una giornalista italiana del Tg3. Nel corso di un’inchiesta su un traffico internazionale di armi e di rifiuti tossici, in cui erano coinvolti l’esercito e diverse istituzioni italiane, è stata uccisa in Somaliaassieme all’operatore Miran Hrovatin. È a lei dedicato, da vent’anni, il “Premio Ilaria Alpi”, per le migliori inchieste televisive italiane sui temi dellapace e della solidarietà, che si svolge a Riccione.

Palmina Martinelli (Fasano, 1967 – 11 novembre 1981) è una martire italiana. È stata bruciata viva a 14 anni per essersi rifiutata di prostituirsi. I tre gradi del processo che ne è seguito hanno visto, contro ogni evidenza, assolti gli omicidi e Palmina è stata dichiarata suicida. A lei è dedicato Largo Palmina Martinelli a Fasano. La targa recita: «Palmina Martinelli, giovane vittima di una crudele violenza».

Iscriviti alla
newsletter!
iscriviti