sala grande
dal 16 al 25 novembre 2018 [Sala Grande]
dal 26 al 30 novembre 2018 [Sala Strehler]
  vai al calendario

L’abisso

di Davide Enia

Sala Grande – dal 16 al 25 novembre 2018   
Sala Strehler- dal 27 al 30 novembre 2018 

di Davide Enia
tratto da Appunti per un naufragio (Sellerio Editore)
musiche composte ed eseguite da Giulio Barocchieri
produzione Teatro di Roma – Teatro Nazionale / Teatro Biondo Palermo / Accademia Perduta – Romagna Teatri
in collaborazione con Festival Internazionale di Narrazione di Arzo


Lampedusa come metafora di un naufragio, personale e collettivo. Davide Enia attinge ai suoi Appunti per un naufragio (Premio Mondello 2018) per raccontare un’esperienza indicibile: lo spaesamento, il dolore e la rabbia che affiorano dinanzi alla grande tragedia contemporanea degli sbarchi sulle coste del Mediterraneo.

Per trovare le parole più efficaci, Enia è andato a Lampedusa, ha assistito agli sbarchi dei profughi, ha raccolto per mesi le testimonianze dei sopravvissuti e dei testimoni, ma non bastava: «Non riuscivo davvero a trovare le parole e i concetti per nominare la vastità dell’evento che ci era arrivato addosso», spiega Enia. Allora, seguendo una traccia suggerita dal padre, rintraccia «un naufragio personale, intimo, privato», per «sviscerarlo, comprendere in che modo siamo sopravvissuti a esso, stabilire una relazione con quanto accade in mare aperto. Così, nel tentativo di elaborare quanto scoprivo, relazionandomi con i primi attori della Storia, mi sono trovato a raccontare anche ciò che succedeva nella mia vita personale in quei mesi». Ed ecco che il testo prende forma, diventando allo stesso tempo testimonianza storica e percorso esistenziale che riguarda tutti noi.

Enia e Barocchieri hanno lavorato su più registri, includendo nella loro ricerca gli antichi canti dei pescatori, intonati lungo le rotte tra Sicilia e Africa, e il cunto palermitano, spostando l’elemento epico dallo scontro tra i paladini a un nuovo campo di battaglia: il mare aperto, dove il salvataggio è una questione di secondi, le manovre sono al limite dell’azzardo, la velocità di scelta determina tutto e risalta ancora di più come condizione necessaria il sottoporsi quotidianamente a un allenamento costante sulla terraferma, per riuscire a recuperare più corpi vivi in mare, per sopravvivere in prima persona alla forza delle onde. Infine, hanno lavorato sull’interpretazione, quando le parole dei testimoni si fanno carne e consentono l’epifania del personaggio. L’abisso è una riflessione, figlia del lavoro sul campo, su quanto sta accadendo, per riportare con urgenza, nello spazio condiviso del teatro, il tempo presente e la sua crisi.

  • nov
    16
    ven
    turno PRIME ore 21:00
  • nov
    17
    sab
    turno S1 ore 21:00
  • nov
    18
    dom
    turno D1 ore 17:30
  • nov
    20
    mar
    turno S2 ore 21:00
  • nov
    21
    mer
    turno P1 ore 17:30
  • nov
    22
    gio
    turno P2 ore 17:30
  • nov
    23
    ven
    turno S3 ore 21:00
  • nov
    24
    sab
    turno S4 ore 21:00
  • nov
    25
    dom
    turno D2 ore 17:30
Iscriviti alla
newsletter!
iscriviti