sala grande
dal 8 al 9 novembre 2019
  vai al calendario

L’abisso

di e con Davide Enia

tratto da Appunti per un naufragio(Sellerio Editore)
musiche composte ed eseguite da Giulio Barocchieri
produzione Teatro di Roma – Teatro Nazionale / Teatro Biondo di Palermo / Accademia Perduta – Romagna Teatri
in collaborazione con Festival Internazionale di Narrazione di Arzo


Torna a Palermo, dopo l’enorme successo ottenuto in tournée e la recente attribuzione del “Premio Hystrio Twister 2019”, lo spettacolo di Davide Enia sul dramma degli sbarchi clandestini. Lampedusa come metafora di un naufragio, personale e collettivo. Enia attinge ai suoi Appunti per un naufragio(Premio Mondello 2018) per raccontare un’esperienza indicibile: lo spaesamento, il dolore e la rabbia che affiorano dinanzi alla grande tragedia contemporanea degli sbarchi sulle coste del Mediterraneo.

Enia e Barocchieri hanno lavorato su più registri, includendo nella loro ricerca gli antichi canti dei pescatori, intonati lungo le rotte tra Sicilia e Africa, e il cunto palermitano, spostando l’elemento epico dallo scontro tra i paladini a un nuovo campo di battaglia: il mare aperto, dove il salvataggio è una questione di secondi, le manovre sono al limite dell’azzardo, la velocità di scelta determina tutto e risalta ancora di più come condizione necessaria il sottoporsi quotidianamente a un allenamento costante sulla terraferma, per riuscire a recuperare più corpi vivi in mare, per sopravvivere in prima persona alla forza delle onde. Infine, hanno lavorato sull’interpretazione, quando le parole dei testimoni si fanno carne e consentono l’epifania del personaggio. L’abissoè una riflessione, figlia del lavoro sul campo, su quanto sta accadendo, per riportare con urgenza, nello spazio condiviso del teatro, il tempo presente e la sua crisi.

 

  • nov
    8
    ven
    ore 21:00
  • nov
    8
    ven
    ore 19:00
  • nov
    10
    dom
    ore 17:30
Iscriviti alla
newsletter!
iscriviti