sala strehler
dal 27 febbraio all’1 marzo 2018
  vai al calendario

De revolutionibus

Sulla miseria del genere umano
di Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi

da due Operette di Giacomo Leopardi
di e con Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi
scene e costumi Cinzia Muscolino
scenotecnica Pierino Botto
luci Roberto Bonaventura
produzione Compagnia Carullo-Minasi


Due attori comici con un carro di Tespi, in una partitura raffinata di gesti e parole, “giocano” i personaggi di due Operette morali di Leopardi – Il Copernico e Galantuomo e Mondo – per giungere ad amare e ironiche riflessioni sulla nullità del genere umano. Uno spettacolo sulla “miseria” intesa come valore e insieme condanna.

Se ne Il Copernico l’uomo, ricollocato ai margini dell’universo, può sperare nell’arte poetica, dunque nel rivoluzionario mirare alla profondità della propria miseria, in Galantuomo e Mondo la rivoluzione procede al contrario e diventa involuzione, disegnando gli estremi d’un freddo quadro di miseria. La prima “Operetta infelice e per questo morale” si ribalta lasciando il posto ad un’“Operetta immorale e per questo felice”.

  • feb
    27
    mar
    ore 17:30
  • feb
    28
    mer
    ore 21:00
  • mar
    1
    gio
    ore 21:00
Iscriviti alla
newsletter!
iscriviti